Sara's Home Page

[My work] [My life] [Bookmarks]


CERN CMS Experiment


Name Sara Bolognesi
Position CERN Fellow
Office address Office B01, First Floor, Building 40 at CERN, Switzerland
Office phone +41 22 7671689
E-mail bolognesNOSPAM@to.infn.it
sbologneNOSPAM@mail.cern.ch

Puo' tuttavia accadere che un gusto eccessivo per i beni materiali porti gli uomini a mettersi nelle mani del primo padrone che si presenti loro. In effetti, nella vita di ogni popolo democratico, vi e' un passaggio assai pericoloso. Quando il gusto per il benessere materiale si sviluppa piu' rapidamente della civilta' e dell'abitudine alla liberta', arriva un momento in cui gli uomini si lasciano trascinare e quasi perdono la testa alla vista dei beni che stanno per conquistare.

Preoccupati solo di fare fortuna, non riescono a cogliere lo stretto legame che unisce il benessere di ciascuno alla prosperita' di tutti. In casi del genere, non sara' neanche necessario strappare loro i diritti di cui godono: saranno loro stessi a privarsene volentieri... Se un individuo abile e ambizioso riesce a impadronirsi del potere in un simile momento critico, trovera' la strada aperta a qualsivoglia sopruso. Bastera' che si preoccupi per un po' di curare gli interessi materiali e nessuno lo chiamera' a rispondere del resto. Che garantisca l'ordine anzitutto! Una nazione che chieda al suo governo il solo mantenimento dell'ordine e' gia' schiava in fondo al cuore, schiava del suo benessere e da un momento all'altro puo' presentarsi l'uomo destinato ad asservirla. Quando la gran massa dei cittadini vuole occuparsi solo dei propri affari privati i piu' piccoli partiti possono impadronirsi del potere.

Non e' raro allora vedere sulla vasta scena del mondo delle moltitudini rappresentate da pochi uomini che parlano in nome di una folla assente o disattenta, che agiscono in mezzo all'universale immobilita' disponendo a capriccio di ogni cosa: cambiando leggi e tiranneggiando a loro piacimento sui costumi; tanto che non si puo' fare a meno di rimanere stupefatti nel vedere in che mani indegne e deboli possa cadere un grande popolo.

Alexis de Tocqueville, "La democrazia in America"
Il capo del Governo si macchio' ripetutamente durante la sua carriera di delitti che, al cospetto di un popolo onesto, gli avrebbero meritato la condanna, la vergogna e la privazione di ogni autorita' di governo. Perche' il popolo tollero' e addirittura applaudi' questi crimini? Una parte per insensibilita' morale, una parte per astuzia, una parte per interesse e tornaconto personale. La maggioranza si rendeva naturalmente conto delle sue attivita'  criminali, ma preferiva dare il suo voto al forte piuttosto che al giusto. Purtroppo il popolo italiano, se deve scegliere tra il dovere e il tornaconto, pur conoscendo quale sarebbe il suo dovere, sceglie sempre il tornaconto. Cosi' un uomo mediocre, grossolano, di eloquenza volgare ma di facile effetto, e' un perfetto esemplare dei suoi contemporanei. Presso un popolo onesto, sarebbe stato tutt'al piu' il leader di un partito di modesto seguito, un personaggio un po' ridicolo per le sue maniere, i suoi atteggiamenti, le sue manie di grandezza, offensivo per il buon senso della gente e causa del suo stile enfatico e impudico. In Italia e' diventato il capo del governo. Ed e' difficile trovare un piu' completo esempio italiano. Ammiratore della forza, venale, corruttibile e corrotto, cattolico senza credere in Dio, presuntuoso, vanitoso, fintamente bonario, buon padre di famiglia ma con numerose amanti, si serve di coloro che disprezza, si circonda di disonesti, di bugiardi, di inetti, di profittatori; mimo abile, e tale da fare effetto su un pubblico volgare, ma, come ogni mimo, senza un proprio carattere, si immagina sempre di essere il personaggio che vuole rappresentare.

1945, Elsa Morante al riguardo di B.Mussolini